L’autore Invisibile

Nel Mare Magnum delle professioni che orbitano attorno all’oggetto libro si è scelto di accendere i riflettori su di un “mestiere” ahimé molto bistrattato (tanto a livello economico quanto in termini di riconoscibilità sociale), eppure di strategica rilevanza, per la circolazione del pensiero a livello globale; vale a dire la figura del traduttore letterario!

Un traduttore costruisce infatti ponti tra paesi/culture, intreccia rapporti e conferisce inevitabilmente una personalissima impronta al testo – anche se questo deve essere fatto nel modo più discreto e impercettibile possibile.
Una buona traduzione è un testo che il lettore crede sia stato scritto nella lingua in cui lo legge.
Alla base, dunque, dev’esserci necessariamente una profonda comprensione del testo di partenza, che spesso deve essere “interpretato” in modo da riuscire a rendere le diversità.

Ebbene, l’Autore Invisibile vuol’essere un’incursione in questo misterioso quanto affascinante universo, nel tentativo di ridare dignità ad un mestiere senza il quale non avremmo avuto modo di godere di alcuni dei più grandi capolavori della letteratura mondiale!


CASA DELLE TRADUZIONI, LA PRIMA IN ITALIA NASCE IN PIENO CENTRO STORICO A ROMA, PRESTIGIOSA LA SEDE SCELTA

Il progetto, che si è fatto strada già a partire dal 2003, è stato concepito per colmare un vuoto piuttosto significativo nel nostro Paese, dal momento che in quasi tutti i paesi europei e nel mondo esistono, ormai da svariati anni, molte Case o Collegi del Traduttore o della Traduzione.

La Casa delle Traduzioni sarà un centro culturale sulla traduzione, ospiterà una biblioteca specializzata sul tema e si offrirà come luogo di incontro e di scambio per traduttori di ogni paese, che avranno a disposizione anche una foresteria ad hoc.

[CONTINUA LA LETTURA]

GRANDE SUCCESSO, DALLA SVIZZERA ITALIANA, PER “BABEL – FESTIVAL DI LETTERATURA E TRADUZIONE”, SVOLTOSI A BELLINZONA, IN CANTON TICINO, LO SCORSO AUTUNNO

Paese ospite della IV Edizione, la Russia: tanti gli scrittori e i rispettivi traduttori italiani presenti all’incontro, per parlare del sottile fil rouge che unisce i loro mondi.

Il “Leitmotiv” della quarta edizione di Babel – Festival di Letteratura e Traduzione, svoltosi nella meravigliosa cornice medievale di Bellinzona, patrimonio dell’umanità UNESCO, è stato un apparato linguistico che ha scandito innumerevoli momenti chiave del XX secolo: la lingua russa, massima espressione di una cultura e quindi di una letteratura di grande tradizione e spessore. Gli autori invitati, infatti, incarnano alcune tra le voci più significative della Russia odierna, tanto per impianto narrativo, quanto in relazione ai sistemi valoriali trasmessi. [CONTINUA LA LETTURA]


Quando il mestiere di Tradurre si fa video

Un interessantissimo documentario firmato dal regista Pier Paolo Giarolo, per Officina Outroad, distribuzione Jole Film.

Sarebbe riduttivo definire questo splendido documentario sull’attività del tradurre come una raccolta di interviste a numerosi, importanti traduttori letterari.

Dalle loro riflessioni, infatti, emergono con chiarezza numerose questioni chiave nel dibattito attuale. Si parla di rispetto e di ammirazione, di etnocentrismo e di ospitalità, di lotta con il testo, di sfida nei confronti delle convenzioni letterarie codificate nella lingua di arrivo, di invisibilità e visibilità del traduttore, di questione morale rispetto alle culture minoritarie.

[CONTINUA LA LETTURA]

TRADURRE LA SCIENZA? MARIANTONIA CERRATO CI SPIEGA COME…

“L’operazione traduttiva è da considerarsi veicolo di scambio in grado di mettere in contatto due o più comunità parlanti, che adoperino diversi codici”.È da tale assunto che la scrittrice Mariantonia Cerrato prende il via, per iniziare un viaggio all’interno dell’universo della traduzione tecnica, nell’interessantissimo ed agile volumetto “Tradurre la Scienza – Profili Teorici e Pratica”, edito nel 2009 dal Gruppo Edicom. CONTINUA LA LETTURA


Bologna Children’s Book …

Il libro che nasce con lo scrittore è il frutto di un lavoro articolato, che coinvolge diverse figure: agenti, editori, redattori, editor e traduttori. A questi ultimi, è affidato un compito delicato fatto di passione, studio e mestiere.
La Fiera del Libro per Ragazzi, svoltasi dal 23 al 26 marzo a Bologna, invita ogni anno i traduttori a un appuntamento unico, con gli addetti ai lavori dell’editoria per ragazzi a livello internazionale.
CONTINUA LA LETTURA


A colloquio con Ljudmila Ulickaja, per il suo “Daniel Stein, Traduttore”, edito da Bompiani

Presenti all’incontro coi lettori, tra gli altri, la traduttrice Emanuela Guercetti e l’agente letterario della Ulickaja, Elena Kostioukovitch, che riveste un ruolo chiave anche all’interno del libro…scopriamo quale!
n quali circostanze nasce l’idea di un testo così composito e articolato?“È stato molto difficile trovare la forma adatta, non era possibile raccontare tutte le storie adottando la forma del romanzo tradizionale. Poi…

Pin It on Pinterest

Aspetta, non lasciare soli i nostri libri!

Non perdere l'occasione di leggere in anteprima le recensioni delle prossime novità editoriali, farti due risate con la nostra rubrica degli equilibri giocosi e interessarti a scoprire nuovi talenti emergenti.

Se questo non bastasse in regalo per te l'ebook: Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello.

Ti sei iscritto con successo.