Intervista a Tommaso M. Gliozzi, autore de "Lontano da Accadia" Intervista a Tommaso M. Gliozzi, autore de "Lontano da Accadia"

Intervista a Tommaso M. Gliozzi, autore de “Lontano da Accadia”

Lontano da Accadia

Tommaso Maria Gliozzi é nato ad Ardore, in Calabria. Ha trascorso ventisette anni all’estero come trade commissioner dell’ICE in Europa, in Nord America e in Australia. Oggi segue una vocazione di sempre: scrivere storie di vita e di costume. Ha pubblicato: Foglie di Alloro (2007); Guardiano del Talamo (2009); Fammi Grazia di un Anno (2013) e diversi brevi racconti. In questa intervista ci parla del suo Lontano da Accadia

Parliamo subito del tuo ultimo libro. Raccontaci brevemente la trama e in quale genere si colloca.

E’ la storia di un ragazzo, di una ragazza e di un clochard tra la Puglia, Roma e Perth (Australia). In essa, coraggio, amicizia, solidarietà, amore e vicende storiche (1946-1972) convergono a creare un racconto originale e fortemente empatico.

Parlaci di te e del tuo amore per la scrittura: come nasce?

A scuola mi divertivo a sviluppare i temi in classe in senso contrario a quello suggerito dalla traccia. Più tardi, i rapporti che inviavo a Roma dall’estero, venivano dalla Direzione fatti girare nelle varie Sezioni per far capire come bisognava scrivere. Per me, scrivere é un piacere, rilassante, NON una fatica!

Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Descrivi un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lascia che i lettori possano immaginarti mentre sei intento a scrivere.

La mia strategia è quella di scrivere, rivedere, correggere o semplicemente pensare più opere contemporaneamente. Mi stacco da un lavoro e quando vi ritorno sono più critico. Sto bene al mio tavolo…le idee vengono…ma scrivo anche in autobus, in treno e in aereo. E quando ho dei dubbi, coinvolgo mia moglie.

Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.

Amo i classici, italiani e francesi. Ma chi mi ha soggiogato sono il Manzoni con il suo capolavoro, e Paolo Mantegazza con il romanzo Un giorno a Madera: per la scrittura e quello che ti trasmettono.

LEGGI ANCHE:  Intervista a Gianluigi Repetto, autore de "Troppo bella per me"

Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti?

Per la prima parte del romanzo: Debussy, prelude a l’aprés midi d’un faune. Per la seconda parte: Franz Schubert, ottetto in fa maggiore; c’è tutto: l’andante, l’allegro, lo scherzo, l’adagio e il vivace, come nel mio libro. Ma se potessi, chiederei a Puccini di musicarlo.

Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.

Lontano Da Accadia, cartaceo ed ebook, 5 recensioni dei lettori, è un romanzo che lascia qualcosa di positivo, di bello nell’animo. E’ quello che cerchi?

Autore: Redazione

Condividi Questo Post Su