Intervista a Barbara G.Tarn, autrice de "Favole Rivedute e Corrette a Terra d'Argento" Intervista a Barbara G.Tarn, autrice de "Favole Rivedute e Corrette a Terra d'Argento"

Intervista a Barbara G.Tarn, autrice de “Favole Rivedute e Corrette a Terra d’Argento”

Favole rivedute e corrette

Barbara G.Tarn è una scrittrice a volte artista, ma soprattutto creatrice di mondi e narratrice. Ha costruito il suo mondo di Terra d’Argento nell’arco di anni – le storie sono lunghe, corte, fumettate o scritte. E’ prolifica e abituata a giostrare più progetti contemporaneamente. Scrive prima in inglese, poi riporta le storie in italiano. In questa intervista ci parla del suo Favole Rivedute e Corrette a Terra d’Argento.

Parliamo subito del tuo ultimo libro. Raccontaci brevemente la trama e in quale genere si colloca.

Fantasy, e come dice il titolo, si tratta di favole rivedute e corrette, ma in versione m/m (come se le principesse Disney diventassero maschi). Non mi sono basata sulle versioni Disney, ovviamente, ma sulle favole originali e le ho ambientate a Terra d’Argento, il mio mondo fantasy. Abbiamo quindi un Cenerentolo, un Biancanevo e un Bell’Addormentato nel bosco!

Parlaci di te e del tuo amore per la scrittura: come nasce?

Ormai quasi quarant’anni fa ho scritto la mia prima storia ufficiale di ben due parti (dopo aver scritto due o tre cose da una paginetta). Fino al 2015 facevo la prima stesura a mano, anche se sono dattilografa e ho comprato il primo computer negli anni 90 (Word 3.0 con schermo in B&N che quando si è rotto mi hanno chiesto come mai non lo avevo a colori – usavo il computer come videoscrittura).

Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Descrivi un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lascia che i lettori possano immaginarti mentre sei intento a scrivere.

Sono molto veloce e prolifica, dato che non ho mai smesso di scrivere. Come dicevo prima, fino al 2015 la prima stesura era a mano, ma ormai scrivo direttamente al computer. Di getto. La scrittura è un muscolo, più la usi e più è facile. Ormai se sto una settimana senza scrivere, mi prudono le dita…

LEGGI ANCHE:  Intervista a Scipione Pagliara, autore de "Mi hanno detto che sono affetto da autismo"

Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.

Quando ho cominciato a scrivere tanto (al liceo) volevo essere la nuova Brunella Gasperini… poi ho scoperto il fantasy e la fantascienza e da quel momento non ho più un autore di riferimento, perché in realtà parto più dai fumetti e dai film piuttosto che dai libri…

Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti?

Era o Clannad o altra musica simil-medievale… anche un Branduardi va bene, visto il sapore medieval delle favole!

Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.

Favole rivedute e corrette in versione m/m per tutti gli amanti del fantasy! Buona Lettura da Barbara G.Tarn

Autore: Redazione

Condividi Questo Post Su