Intervista a Maria Elisabetta Ranghetti, autrice de "Corri più che puoi" Intervista a Maria Elisabetta Ranghetti, autrice de "Corri più che puoi"

Intervista a Maria Elisabetta Ranghetti, autrice de “Corri più che puoi”

Maria Elisabetta Ranghetti, classe 1977, laureata in Lettere Moderne a Pavia vecchio ordinamento, scrittrice e blogger (blog: elisabettaranghetti.com). Nell’intervista che segue ci parla del suo Corri più che puoi

Parliamo subito del tuo ultimo libro. Raccontaci brevemente la trama e in quale genere si colloca.

Narra l’amicizia insolita nata tra due adolescenti, Baruch ebreo ortodosso israeliano e Ibrahim arabo israeliano nella Gerusalemme del 2014 durante l’ultima guerra tra Israele e Gaza. I due nascondono segreti e si ritrovano a vivere le difficoltà di altri coetanei alle prese con famiglie eccentriche. La fame di scoop di una giornalista americana renderà ancora più vivace la loro vita.

Parlaci di te e del tuo amore per la scrittura: come nasce?

Amo scrivere sin da bambina; fu Jo March di “Piccole donne” a farmi appassionare a questo splendido mestiere. La laurea in lettere è stato il coronamento di un percorso votato alla scrittura assieme al recente studio dell’esegesi rabbinica.

Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Descrivi un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lascia che i lettori possano immaginarti mentre sei intento a scrivere.

Ho impiegato un anno a stendere il testo tra un soggiorno e l’altro in Israele dove nel frattempo ho presentato anche il primo romanzo. Tra la scrivania di casa e le vie di Gerusalemme ho tratto ispirazione per raccontare l’umanità e la quotidianità di una terra conosciuta per le tensioni e poco per l’ ironia. Quando scrivo ho negli occhi i luoghi di cui parlo, protagonisti dei miei libri.

Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.

Mi sono ispirata a Chaim Potok per il mondo descritto. Per lo stile aspiro a quello di Guareschi, fresco, immediato e carico di sfumature.

LEGGI ANCHE:  Intervista a Rita D'Amario, autrice de "Perché scrivo? Consigli pratici per una scrittura creativa disegna e scrivi il tuo albero della vita"

Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti?

Qualche mix di sound arabo ed ebraico, yiddish e israeliano.

Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.

Leggere è come viaggiare senza pagare il biglietto e scrivere è dare vita a mondi conosciuti e sconosciuti che ogni scrittore ha dentro di sé.

Autore: Redazione

Condividi Questo Post Su