Intervista a Antonella Maggio, autrice de "Beyond - sei come il sole" - RecensioniLibri.org Intervista a Antonella Maggio, autrice de "Beyond - sei come il sole" - RecensioniLibri.org

Intervista a Antonella Maggio, autrice de “Beyond – sei come il sole”

Antonella Maggio vive in Puglia. Adora leggere e scrivere, predilige il genere rosa e le storie con tematiche forti. Ha esordito nel 2015 con il romanzo, bestseller in Italia e Germania, Profumo d’amore a New York (Butterfly Edizioni). Ha pubblicato con Les Flâneurs Edizioni e Rizzoli Youfeel. Tutti i suoi romanzi hanno conquistato la top100 di Amazon. 

Parliamo subito del tuo ultimo libro. Raccontaci brevemente la trama e in quale genere si colloca.

Beyond – sei come il sole è un romance attuale con un pizzico di passione. I protagonisti sono Ryan e Olly (personaggi secondari nei miei precedenti romanzi Black Jack e Chasing Love). Lui è un poliziotto sotto copertura, che tutti credono morto, lei è la migliore amica della sorella di lui che, scoperta la verità, fa ricerche sul web attirando l’attenzione della polizia e dei criminali.

Parlaci di te e del tuo amore per la scrittura: come nasce?

L’amore per la scrittura nasce con me. A dodici anni avevo la presunzione di voler scrivere la mia autobiografia e ho iniziato così, raccontando le mie vicende mentre ero a casa con la varicella. Dopo le superiori è arrivata la prima trama a non lasciarmi tregua, il bisogno primario di mettere nero su bianco la storia. Nel 2015 ho esordito con la Butterfly Edizioni e non mi sono più fermata.

Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Descrivi un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lascia che i lettori possano immaginarti mentre sei intento a scrivere.

Beyond è una di quelle storie che si è lasciata scrivere da sola, come se i protagonisti fossero persone reali e avessero scelto me, affinché raccontassi il loro amore. Debbo molto però alle mie beta, le ragazze che mi leggono in anteprima, perché senza di loro Ryan sarebbe rimasto il personaggio secondario di Black Jack: il gioco del perdono e non avrebbe avuto la fortuna di incontrare Olly.

LEGGI ANCHE:  Rugile | Fabrizio Ulivieri

Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.

Debbo essere sincera, non amo essere associata ad altri autori ma, ammetto, di stimare molto Colleen Hoover, il suo stile immediato, il modo attraverso il quale tocca le corde del cuore con le sue parole.

Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti?

In realtà ho stilato una vera e propria playlist per questo romanzo perché sono diverse le canzoni che mi hanno ispirato e tenuto compagnia durante la stesura. Per dirne una Don’t cry dei Guns N’ roses.

Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.

Ci sono cose che spesso non cambiano nella vita, persone che muoiono e ci lasciano, altre che non tornano nonostante le promesse. E se in quel momento ti senti solo, sappi che non lo sei mai davvero. Le persone che ti vogliono bene possono essere tante.

Autore: Redazione

Condividi Questo Post Su