“Elis Island”, il romanzo epistolare di Silvio Ramat

elis islandLa prima parola che mi viene in mente per descrivere Elis Island. Poesie da un esilio, ultima opera di Silvio Ramat, è “straordinario”. E questo perché, al di là della validità dei contenuti in sé, si tratta di qualcosa che va proprio oltre l’ordinario, oltre l’idea di libro come esso viene inteso comunemente.

La Trama

La scrittura consiste infatti nella trascrizione di un dialogo epistolare tra due personaggi molto poco caratterizzati, il quale si svolge via posta, in un luogo e in un tempo non meglio specificati.

Del primo sappiamo soltanto che è un uomo che si trova a trascorrere un periodo di convalescenza in un posto che lui stesso non conosce; intuiamo che sia una persona molto colta, a causa dei suoi continui rimandi letterari, e nulla più. Del secondo personaggio sappiamo invece che è una donna di nome Elisabetta, detta Elis, che ama i fiori, l’arte e la letteratura, e che è legata al suo corrispondente epistolare da un lungo rapporto di amicizia.

Non sappiamo se le lettere siano cartacee, o inviate tramite posta elettronica; ma conosciamo la data di ognuna di esse, che è scritta in fondo ad ogni missiva e dà l’idea della regolarità con la quale avviene lo scambio. Man mano che proseguiamo nella lettura, in realtà, emergono dei dettagli della vita di entrambi i personaggi: i loro viaggi, i loro film preferiti, i loro trascorsi… ma il quadro non arriva mai a completarsi del tutto, e alcuni tratti della loro personalità e della loro relazione resteranno sempre oscuri e indecifrabili.

“La convalescenza ha strani poteri:

schiaccia gli orizzonti, smorza i contrasti

fra i colori le tempre i desideri.

E forse in uno dei giorni venturi

Verrà a trovarti il me stesso di ieri

Che non era coetaneo della morte.

Non chiede nulla, aprigli le tue porte”.

La particolarità di Elis Island, quel tocco in più che lo rende straordinario anche al di là del significato intrinseco della parola, è la poesia. Il primo personaggio, colui che invia le sue lettere dal luogo di convalescenza, sceglie infatti di scrivere in versi, precisamente in endecasillabi. Non altrettanto la sua corrispondente, che utilizza invece la prosa, seppur si tratti di una narrazione molto evocativa, la quale rivela una personalità eterea e una grande profondità d’animo.

LEGGI ANCHE:  Una storia ritrovata, Daniela Metteo racconta un diario storico

I temi affrontati sono svariati; i due ricordano in particolare episodi del loro passato e del tempo che hanno trascorso insieme. Ne deriva una tristezza di fondo legata alle riflessioni sul tempo che passa, sulla malattia che travolge non solo il corpo ma anche l’animo umano, su quello che fu e che probabilmente non sarà più. In particolare, è il malato a suscitare le discussioni su queste tematiche, probabilmente perché più coinvolto e in una condizione di fragilità, oltre che di noia, come egli stesso ammette, che lo portano a cercare nella scrittura una via di fuga. La sua amica svolge più che altro un ruolo consolatorio, invitandolo a non abbattersi e spronandolo a fornirgli sempre nuove notizie sulla sua salute e sui suoi stati d’animo.

L’originalità della forma narrativa, la tenerezza delle conversazioni, la lirica potente: tutte ottime ragioni per intraprendere non un, ma IL viaggio verso Elis Island. Un libro che è un rifugio sicuro, un riparo dalle intemperie del mondo, quasi come a voler dire: la bellezza esiste ancora, e io ne sono la prova.

Autore: Caterina Geraci

Leggo da sempre, leggo dovunque, leggo perché ritengo che vivere una sola vita sia tremendamente noioso. Soprattutto se quella vita la vivi in un paesino in provincia di Palermo. Per fortuna viaggio tanto, e non solo con la mente. Ah, dimenticavo: sono molto poco brava a descrivermi in poche righe; ma questo si era capito, no?

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aspetta, ami anche tu il profumo dei libri? Sostieni l'editoria emergente!

Ogni settimana un racconto gratis da scaricare. In più aggiornamenti sulle novità editoriali e le recensioni a cura della nostra redazione.

Grazie! Controlla la tua casella di posta e inserisci il nostro mittente nella tua rubrica per avere la certezza di ricevere le nostre email.