Le ho mai raccontato del vento del Nord di Daniel Glattauer

le ho mai raccontato del vento del nord recensioneLe ho mai raccontato del vento del Nord sembra il titolo di una poesia, invece è il titolo di un moderno romanzo epistolare. La domanda che si farà il lettore dalla prima all’ultima pagina del libro è se davvero ci si può innamorare solo delle parole di uno sconosciuto, senza avere la minima idea di come sia fatto fisicamente l’altro.  

Scrivere è come baciare, solo senza labbra. Scrivere è baciare con la mente
 

La trama

Emmi sbaglia a mandare una mail e Leo le risponde per farle notare l’errore. Emmi risponde ancora e così via, per gioco, Emmi e Leo iniziano a sentirsi quotidianamente. Il rapporto, mail dopo mail, diventa sempre più intenso, attraversa fasi altalenanti, ed Emmi e Leo sono sempre più vicini e complici. Emmi e Leo sono due persone adulte: potrà questa nuova “amicizia” mettere in crisi i loro rapporti nella vita reale? Daniel Glattauer con l’escamotage della lettura delle mail permette al lettore di essere coinvolto  nella crescita di questo rapporto totalmente ed in ogni suo passaggio.

La recensione

Le ho mai raccontato del vento del Nord  è uno di quei romanzi per cui ci si entusiasma o che delude profondamente le aspettative, ma che difficilmente lascia indifferenti. Fin dal titolo poetico ed accattivante Daniel Glattauer promette di far riflettere su che cos’è l’amore, come può nascere e di che cosa vive: un proposito decisamente ambizioso, non vi pare?  Attenti però a pensare di trovare una risposta nelle tantissime parole che si scambiano in continuazione Emmi e Leo: troverete solo altri mille interrogativi da porvi sul tema. Quello che mi son posta più spesso io durante la lettura riguarda la scelta di far raccontare tutto a Leo ed Emmi, spiando le loro conversazioni, senza filtri. I protagonisti però sono nascosti dietro lo schermo di un computer, sono davvero loro come lo sono nella vita reale oppure stanno indossando una maschera per sembrare più genuini, audaci e, in altre parole, migliori? Si stanno innamorando di una persona reale o dell’immagine che ciascuno dei due vuole dare di se stesso? Il romanzo costringe infatti a porsi una domanda davvero importante nell’epoca in cui stiamo vivendo: che cosa è reale e che cosa no? Emmi e Leo lo sono? E il loro sentimento? Quanto un rapporto nato per caso e che non si è mai concretizzato può influire sulla vita reale e sui rapporti con le persone che ne fanno parte? Gli stessi protagonisti sono consapevoli di questo problema, e sono attanagliati dal dubbio se sia auspicabile incontrarsi per conoscersi personalmente oppure lasciare che questo rapporto continui solo via internet e rimanga fine a se stesso. Le ho mai raccontato del vento del Nord è edito da Feltrinelli e può essere acquistato su ibs al prezzo di 7,22 euro. Se vi appassionerete alla storia di Emmi e Leo potrete leggere anche La settima onda, che è il seguito di Le ho mai raccontato del vento del Nord. Infine, se non lo avete ancora letto, vi consigliamo sempre di Glattauer, anche Per sempre tuo: ecco la presentazione dell’opera.  

Autore: Federica Zucca

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aspetta, ami anche tu il profumo dei libri? Sostieni l'editoria emergente!

Ogni settimana un racconto gratis da scaricare. In più aggiornamenti sulle novità editoriali e le recensioni a cura della nostra redazione.

Grazie! Controlla la tua casella di posta e inserisci il nostro mittente nella tua rubrica per avere la certezza di ricevere le nostre email.

Pin It on Pinterest