La mia Londra di Simonetta Agnello Hornby

La mia londra recensioneClasse 1945, palermitana di origine, britannica di adozione, Simonetta Agnello Hornby consacra con questo libro il suo amore per la “sua” Londra. Non è un romanzo, né tanto meno un saggio, è più una guida turistica o comunque un memoriale da leggere assolutamente prima di andare a visitare la nota città.

Passando in rassegna i ricordi della sua vita, legati al suo arrivo, al suo primo teatro, al suo primo tramezzino, alla vita con i suoceri, con gli amici, al suo studio legale (tra l’altro famosissimo poiché fu uno dei primi ad occuparsi dei casi di violenza in famiglia) ci parla di Londra. E così ci ritroviamo a passeggiare nei famosi parchi londinesi; ad assaggiare le specialità culinarie nei suoi ristoranti preferiti; vaghiamo nei sobborghi, nei vicoli più sperduti ma pregni di storia; curiosiamo nei numerosissimi mercatini rionali; visitiamo chiese e monumenti e nel frattempo impariamo la storia e apprendiamo il perché sono nati i pub o perché i politici inglesi sono tanto amati dal popolo.

È un excursus storico quello che fa. Parla della monarchia, della Chiesa anglicana, parla dell’incendio di Londra e di come siano stati bravi i londinesi a ricostruire esattamente le cose come erano prima. Parla dell’apertura alla multi etnia e di come sia stato complicato, all’inizio, per gli emigrati inserirsi nella vita della città. Ci si perde in queste pagine, leggendo vien voglia di viaggiare, di vedere i posti  che Simonetta ha conosciuto, amato e infine descritto per noi.

Ogni capitolo è intitolato e ogni titolo è seguito da una citazione di Samuel Johnson, il noto letterato inglese conosciuto dai più come colui che diede vita al primo dizionario della lingua inglese. Samuel, come la nostra autrice, si trasferisce a Londra in età adulta e di lei si innamora e di lei a lungo parla nel suo poema London. Simonetta Agnello ha come visto in lui un amico che l’ha guidata ed ispirata, tanto che nel suo libro spesso farà riferimento ad aneddoti che  hanno Johnson come protagonista. Aneddoti che ovviamente servono per far comprendere a noi lettori lo spirito londinese, o quello che per Simonetta è la vera essenza dei londinesi. Parla di loro come un popolo cordiale, a volte forse eccessivamente cerimonioso, ma aperto e disponibile e soprattutto generoso nei confronti della loro città che da loro viene sempre amata, protetta e preservata.

LEGGI ANCHE:  L'Amalassunta di Pier Franco Brandimarte

Sono stata a Londra qualche anno fa e sinceramente sono rimasta delusa: mi aspettavo degli spazi più maestosi, dei monumenti più imponenti; la stessa Piccadilly Circus mi deluse. Leggendo queste pagine però mi è venuta voglia di ritornarci per guardare il tutto con occhi diversi, più vicini all’indole britannica che non alla mia. Più conscia degli eventi e dei sentimenti che hanno mosso i fatti stessi.

Credo che scrivere un libro così per una romanziera sia stato un impegno non da poco. All’inizio ho anche fatto fatica ad entrare nello spirito delle sue parole. Lei rimane sempre borderline: parlando in prima persona e di fatti suoi personali si pensa di essere di fronte ad una biografia o ad un romanzo. Presto si capisce che non lo è affatto… come dice lei stessa quest’opera non è altro che “una dichiarazione di amore a una grande città e ai suoi abitanti

La mia Londra (272 pagine) è edita da Giunti, ed è disponibile per l’acquisto su Ibs a 13,60 euro.

Autore: Egidia Lentini

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aspetta, ami anche tu il profumo dei libri? Sostieni l'editoria emergente!

Ogni settimana un racconto gratis da scaricare. In più aggiornamenti sulle novità editoriali e le recensioni a cura della nostra redazione.

Grazie! Controlla la tua casella di posta e inserisci il nostro mittente nella tua rubrica per avere la certezza di ricevere le nostre email.