Ammazziamo il Gattopardo di Alan Friedman, una ricetta per rifare l’Italia

ammazziamo il gattopardo

La cover del libro edito da Rizzoli

Alan Friedman è forse uno dei giornalisti stranieri che meglio conosce il nostro paese. Per questo motivo, forse, scrivere un  libro come Ammazziamo il Gattopardo è stata quasi una conseguenza naturale per chi vuole o vorrebbe risollevare le sorti dell’amata Italia.

Ne Ammazziamo il Gattopardo, con la lucidità e l’acutezza che contraddistingue il giornalista di razza, Friedman pone domande cruciali legate alle sorti economiche attuali, che sono state fomentate da trent’anni di eventi non proprio lusinghieri. Il quesito principale è quello relativo alla natura della crisi atavica e mai sopita degli ultimi anni: è colpa della mediocrità della classe dirigente? Della Germania? Della moneta unica o dell’austerity? Ma soprattutto: esiste una via d’uscita alla strada che prosegue verso un declino conclamato?

L’autore comincia quindi dagli Anni Ottanta – quando l’Italia era considerata la quinta potenza economica – proseguendo fino ad oggi in una analisi che vede protagonisti anche gli ultimi cinque ex presidenti del consiglio arrivando fino a Matteo Renzi, il presunto “uomo nuovo”, facendo luce su retroscena ancora poco noti, gettando luce su alcune vicende deliberatamente omesse.

Ammazziamo il Gattopardo – Il Piano Marshall di Friedman

Ma l’analisi di Friedman non si riduce a se stessa, ma trova una chiave di volta in una sorta di Piano Marshall nostrano, un ambizioso programma in dieci punti per risollevare l’Italia e rimetterla al suo posto di potenza mondiale, vera e non presunta di fasti più o meno gloriosi del passato.

Secondo il giornalista newyorchese, infatti, per cambiare il nostro paese occorre cambiare (tagliare) testa al Gattopardo, al conservazionismo che da decenni è disposto “a cambiare tutto perché nulla cambi”, e per farlo prende a prestito uno dei romanzi classici più significativi della letteratura italiana scritto da Giuseppe Tomasi Di Lampedusa.

LEGGI ANCHE:  Settimo piano di Åsa Grennvall

Perché il tempo delle mezze misure è terminato e per farlo Friedman dà una “ricetta” semplice quanto efficace:

  1. abbattere il debito pubblico
  2. creare nuovi posti di lavoro
  3. tutelare le fasce più deboli
  4. tagliare le pensioni d’oro (e i troppi regali dello Stato)
  5. promuovere l’occupazione femminile
  6. ridisegnare la pubblica amministrazione (premiare il merito, punire l’incompetenza)
  7. tagliare gli sprechi della sanità e delle Regioni
  8. istituire una patrimoniale leggera ma equa
  9. liberalizzare i servizi nell’interesse del consumatore
  10. varare una nuova politica industriale di investimenti mirati

Ammazziamo il Gattopardo è edito da Rizzoli e in vendita su Ibs.it a 15,30 euro.

Autore: Laura Landi

Sono ­ per ammissione estrema ­ lettrice compulsiva, anche se molto molto esigente. Andare in libreria mi fa sentire come Alice nel paese delle meraviglie. Il mio amore letterario segreto? Gabriel García Márquez.

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aspetta, ami anche tu il profumo dei libri? Sostieni l'editoria emergente!

Ogni settimana un racconto gratis da scaricare. In più aggiornamenti sulle novità editoriali e le recensioni a cura della nostra redazione.

Grazie! Controlla la tua casella di posta e inserisci il nostro mittente nella tua rubrica per avere la certezza di ricevere le nostre email.

Pin It on Pinterest