Libri, lenticchie e cotechino… buon anno!

Libri, lenticchie e cotechino... buon anno!

Ultimamente non mi sento molto ispirata nello scrivere, e quando qualche tempo fa mi è stato chiesto un pezzo sul Capodanno ci ho pensato a lungo e… non ho concluso niente. Zero idee, zero ironia. Sarà che a Natale siamo tutti più buoni e forse a Capodanno più speranzosi, e che la mia abituale lingua biforcuta sia andata in ferie per un po’, ma di fatto qualcosa devo pur scrivere. Libri, lenticchie e cotechino mi sembrava un buon titolo, ma ora che ci penso, forse non mi convince neanche tanto.

Cosa si fa a Capodanno? Bilanci, oppure si ascolatano improbabili discorsi di altrettanto improbabili presidenti della Repubblica, si indossano scarpe tacco 12 e tante, proprio tante paillettes. Beh, certo non mancano i buoni propositi per il 2014…. che sia proprio questo un buon tema sul quale discorrere? Vediamo cosa ne salta fuori.

Buoni propositi per il 2014

Dai, diciamocelo: chi di noi non ha mai fatto una lista dei buoni propositi per il nuovo anno? Lasciamo stare che è la stessa identica di quella dell’anno prima, che doveva essere realizzata due anni or sono e che avevate pianificato tre anni addietro. Che ce frega? I buoni propositi sono alimentati da animo speranzoso, e per questo motivo vanno curati con una bella lettura.

Ecco quali sono i “soliti” buoni propositi che di certo avrete snocciolato a tavola con amici e parenti mentre vi abbuffavate di lenticchie (perché quelle, si sa, portano abbondanza. Di che è ancora da capire, ma di certo la bilancia la nostra abbondanza la fa notare):

1 . Diventare milionario. Beh, tutti abbiamo sognato di diventare, con un colpo di fortuna, ricchi o, meglio, super ricchi! Chissà, magari è ora che ci decidiamo a giocare al Superenalotto ma va bene anche un biglietto della Lotteria Italia (ma esiste ancora?). Io vi consiglio un libro un po’ datato di Wallace D. Wattles, La scienza del diventare ricchi. Un metodo infallibile. Leggetelo e poi, se veramente riuscite a capire come funziona, fatemi una telefonata. Grazie.

2 . Dimagrire. Non c’è uomo o donna al mondo che non abbia desiderato, costantemente, perdere peso. Che dire, il nuovo anno potrà portare anche carote e sedano in abbondanza nel frigo, ma Allen Carr e il suo manuale di autoaiuto, È facile controllare il peso se sai come farlo, può essere una lettura di Capodanno interessante, utilissimo soprattutto per sentirsi in colpa dopo i bagordi e i gozzovigli delle feste.

3 . Trovare l’amore. Ah, l’amour! Anche questo è davvero gettonato, solo che quasi sempre si attesta come un desiderio disilluso. Però, perché non alimentare le fantasie amorose con Il diario di Mr Darcy, una versione rivisitata di Orgoglio e Pregiudizio di Jane Austen? La voce narrante è, come si può ben capire, del protagonista maschile dell’opera originale, un punto di vista sicuramente diverso e che sa di cuore nello zucchero. Solo per chi non soffre di carie.

4 . Cambiare/trovare lavoro. E vuoi mettere il dimagrire o l’amore con il trovare lavoro di ‘sti tempi? Certo, non c’è storia: vince il diventare milionario! Nell’attesa, però, vi consiglio un libro che sembra davvero interessante: L’inventalavoro. Guida alle professioni creative e innovative. Il titolo è già un programma.

5 . Diventare uno scrittore di successo. Parlando di libri e di lenticchie portafortuna, non potevo non parlare del sogno di molti nostri lettori, ovvero quello di diventare uno scrittore di successo. Se per i miracoli qui a RecensioniLibri.org ci stiamo attrezzando, di certo possiamo darvi una mano in altro modo, consigliandovi innanzitutto di leggere il nostro Manuale del Self Publishing. Dove trovarlo? Leggete qui.

E quali sono i propositi per il vostro 2014? Nell’attesa dei vostri commenti, brindo alla vostra salute: Buon Anno!

Leggi anche:

Hai trovato interessante questo articolo?

Aiuta questo sito a promuovere gli autori emergenti, diffondi i contenuti che ritieni validi sul tuo social network preferito o iscriviti alla newsletter. Basta un clic e non costa nulla!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>