Dalla pubblicazione al blog: bocconi amari e piccole grandi soddisfazioni di un’esordiente

i love bloggingCe l’hai fatta. Finalmente il tuo manoscritto è stato pubblicato. Qualcuno ha avuto questo coraggio, si è fidato di te. Non importa se non sei nessuno, se non hai un aggancio in politica o se non sei una star della tv. Non importa nemmeno se il tuo libro forse non diventerà mai un best-seller. E sei felice, soddisfatta. E poi? E ora che si fa? Si aspetta. Certo, se sei una credulona come me. Aspetti. Aspetti mesi che qualcuno mandato dal tuo minuscolo editore, che arranca ogni giorno tra colossi dell’editoria che vorrebbero farlo sparire e autori emergenti come te che gli propongono di tutto, ti contatti per farti fare una presentazione, per dirti che il tuo libro è bello, che hai fatto proprio bene a pubblicarlo.

Aspetti. Aspetti ancora. Aspetti e controlli instancabilmente gli scaffali di tutte le librerie della tua città… ma non c’è. Non c’è dannazione! E allora? “Vuol dire che è brutto”, ti dici. “Ma che ti eri messa in testa”, ti rimproveri. Ma poi qualcosa non torna… quando sei stata anche tu alle fiere della micro-editoria con il tuo piccolo editore, il tuo libro è stato acquistato. Qualcuno l’ha letto e ti ha anche scritto per farti i complimenti. E che belle parole hanno usato. Ma allora cosa c’è che non va? Perché è come se non esistesse? E intanto vedi che gli altri “colleghi” della casa editrice fanno le presentazioni, vanno a parlare del loro libro, vedi le foto con le loro facce sorridenti. “È brutto”, te lo ripeti allo sfinimento. Poi provi a chiedere spiegazioni, ti confidi timidamente con i due autori con cui hai fatto amicizia e finalmente, ecco svelato l’arcano…

In Sardegna lo chiamano “Sant’arrangiati”, qui non so come si chiami ma mi è chiaro il concetto ora. Sei uno sconosciuto esordiente? Come ti permetti di stare a casa ad aspettare che il tuo libro venga letto senza alzare un dito? Pensavi che una volta pubblicato il tuo unico impegno sarebbe stato scrivere il seguito!? Che tenera idiozia! Nossignora! Alza le chiappe, tira fuori la faccia di bronzo e comincia a bussare a tutte le porte che ti vengono in mente. Escogita qualsiasi cosa, informati, aggiornati, vai sui blog, sui siti specializzati e buttati! Scrivi e-mail imbarazzanti nelle quali ti prostri per avere un cantuccio, un angolino di visibilità per il tuo libro… e quando riceverai anche una sola risposta affermativa alle tue richieste, quando anche uno solo dei librai che hai contattato ti concederà l’onore di una serata tutta per te per parlare del tuo libro, magari esponendolo in vetrina o tra gli scaffali, sarai ripagata. Promuovere se stessi o meglio, il proprio operato, è un inferno se si possiede un’autostima rasoterra, ma per la propria creatura vale la pena fare questo sforzo.

LEGGI ANCHE:  "Dimmi che c'entra la felicità" | Margi De Filpo, Vincenzo Corraro

Ed eccomi qui. Come ci sono arrivata qui? Su questo portale, questa piattaforma virtuale fatta di persone come me, che amano leggere, scrivere, condividere con gli altri non solo quello che viene offerto dalle grandi case editrici, non solo quello che “va di moda” o l’ultimo libro scritto dal calciatore di turno… Recensionilibri.org è una realtà interessante e colorata, ricca di idee per chi ha voglia di leggere un bel libro, magari sapendo già a cosa andare incontro e una vetrina ambita e succulenta per un’esordiente allo sbando.

Per molti, molti mesi successivamente alla pubblicazione del mio romanzo ho visitato il sito, in particolare la pagina relativa agli esordienti, fantasticando di come sarebbe stato bello se anche Incredibilmente Blu fosse stato un giorno tra i titoli citati. Ma non avevo il coraggio di farmi avanti. Pensavo che fosse una cosa altamente improbabile, addirittura impossibile. Essendo io il primo nemico di me stessa (come mi dice sempre la mia migliore amica Viviana), quando mi accingo a fare qualcosa non penso mai che possa andare tutto bene…

Però un giorno, incoraggiata da una lettrice particolarmente entusiasta che mi aveva contattato via e-mail e aveva addirittura scritto per me un’ottima recensione sulla sua pagina Facebook, ho preso la fatidica decisione di proporre il mio romanzo per una valutazione dello staff. Una cosa che davvero non mi aspettavo, oltre ad essere ammessa tra gli esordienti recensiti nel sito è stata la proposta di Laura che non solo aveva apprezzato il mio libro, ma aveva anche pensato a me per una novità: il blog degli esordienti! Inutile dire che sono davvero entusiasta e piena di speranze, anche se con un pizzico di paura, trattandosi della mia primissima esperienza in un blog che è per me un modo completamente nuovo di comunicare e farmi conoscere (o meglio far conoscere ciò che ho scritto e un giorno scriverò). Cercherò di non prestare troppa attenzione a quelle vocine nella mia testa che si prendono gioco di me e che mi sussurrano ogni volta: “sarà un disastro”, lo giuro!

Autore: Mélina Airoli

Sono nata a Roma, ma sono sarda e ho vissuto ad Alghero dall'età di un anno fino alla conclusione delle scuole superiori (i geometri, ahimè, scelta totalmente errata, lontana dalle mie inclinazioni e passioni). Nel 1999 mi sono trasferita a Venezia per frequentare lo IUAV dove ho conseguito la laurea in SIT. Questa bizzarra città è diventata ormai la mia casa, poiché qui vivo insieme a mio marito Samuel, violinista presso il Teatro La Fenice, al nostro Daniel (piccola peste nata nel 2010) e a due feroci felini: Manon e Calcifer. Amo gli animali dacché ho memoria di me. Sono vegana da circa dieci anni e il mio unico rimpianto è non aver cominciato prima.

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aspetta, ami anche tu il profumo dei libri? Sostieni l'editoria emergente!

Ogni settimana un racconto gratis da scaricare. In più aggiornamenti sulle novità editoriali e le recensioni a cura della nostra redazione.

Grazie! Controlla la tua casella di posta e inserisci il nostro mittente nella tua rubrica per avere la certezza di ricevere le nostre email.

Pin It on Pinterest