Tutto il mare tra di noi, sogni infranti di libertà | Dina Nayeri

Tutto il mare fra di noi«Dov’è Mahtab?» domanda ancora Saba torcendosi le mani, seduta sul sedile posteriore dell’automobile. Suo padre guida mentre, sul sedile del passeggero, sua madre fruga nella borsetta in cerca dei passaporti, dei biglietti aerei e di tutti i documenti che servono per lasciare l’Iran. Saba ha un capogiro; la testa non ha mai smesso di farle male da quella sera sulla spiaggia, ma non ricorda molto. Sa soltanto una cosa: la sua gemella, Mahtab, non c’è. Dov’è finita? Perché non è in macchina con loro, ora che stanno per andare via e non tornare mai più?

Negli ultimi anni i libri che raccontano della vita, della religione e dei conflitti nei paesi musulmani si sono moltiplicati. Ognuno di loro a suo modo espone la realtà dei fatti, storie ispirate alla propria vita, oppure invenzioni verosimili messe su carta per esporre il triste destino di chi, vicino o lontano dalla propria terra, sente sulla pelle il dolore della guerra, delle rigide imposizioni culturali e religiose. Anche Dina Nayeri, iraniana trapiantata negli Stati Uniti, ci racconta la sua storia con Tutto il mare tra di noi, un delicato e drammatico episodio che vede una famiglia dividersi in due per fuggire alla rivoluzione khomeinista in atto nel paese.

La Nayeri ne Tutto il mare tra di noi immagina di essere stata una ragazzina che ha vissuto in prima persona gli anni della rivoluzione, proprio lei che – ormai adulta – si chiede cosa sarebbe accaduto se all’età di 12 anni non si fosse trasferita dall’altra parte dell’Oceano, nella terra che lo stesso regime degli ayatollah definisce come il “grande satana”.

LEGGI ANCHE:  La crisalide nel fango, il romanzo d'esordio di Matteo Viviani

La trama – Tutto il mare tra di noi

Iran, 1979. Nel paese imperversa la rivoluzione khomeinista quando Saba e Mahtab, due gemelle, si vedono per l’ultima volta durante un incontro che ha i contorni sfumati dal tempo. Saba vive oggi con il papà in un paesino dell’entroterra in una bella casa: la sua è una famiglia benestante e in quel contesto socio-politico la piccola undicenne può permettersi anche piccoli lussi come musicassette con canzoni in inglese e riviste patinate. Gli Hafezi – questo il nome della famiglia di Saba – sono ricchi e questo le permette, almeno adesso che è molto giovane, di fare una vita normale, non oppressa dalle dure leggi religiose, quelle che prendono di mira soprattutto le donne, tenute sotto stretta sorveglianza dalla polizia.

Eppure, la sparizione della madre e della sorella restano per Saba un mistero, un segreto che la famiglia Hafezi nasconde ormai da tempo. E lei, ignara di tutto, immagina che le due siano partite per gli Stati Uniti, quella terra di libertà e divertimento vista solo in tv e sui giornali. Sogna così le giornate della sua gemella, le corse spensierate con gli amici americani, gli hamburger, gli abiti colorati, e nelle sue fantasie coinvolge anche gli amici di sempre, Reza e Ponneh.

Ma una voce nella sua testa non riesce a darle pace: perché fra le due sorelle è stata Mahtab ad essere la prediletta per una nuova vita? E si chiede inevitabilmente quanti cucchiaini di terra e di mare le servirebbero per coprire quella lunga distanza fra lei e la sua gemella. Nonostante sia bello sentirsi legata a Mahtab e sognare di vivere a suo modo, la realtà è dura e tremenda e lei, ormai giovane donna che si affaccia all’età adulta, non può sottrarsi a quello che la società le impone.

LEGGI ANCHE:  Il telefono senza fili di Marco Malvaldi

Note sull’autrice di Tutto il mare tra di noi

Dina Nayeri è nata in Iran. Dopo essersi trasferita da piccola negli Stati Uniti, studia a Princeton e poi ad Harvard. Attualmente insegna scrittura creativa e vive a New York. Tutto il mare tra di noi (disponibile per l’acquisto su Lafeltrinelli.it a 16,57 euro) è il suo romanzo d’esordio, edito in Italia da Piemme, un successo subito clamoroso tanto da essere immediatamente tradotto in altri paesi.

Recentemente ospite al Pordenonelegge 2013, la Nayeri è ora al lavoro per il suo secondo romanzo.

Autore: Laura Landi

Sono ­ per ammissione estrema ­ lettrice compulsiva, anche se molto molto esigente. Andare in libreria mi fa sentire come Alice nel paese delle meraviglie. Il mio amore letterario segreto? Gabriel García Márquez.

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Aspetta, non lasciare soli i nostri libri!

Non perdere l'occasione di leggere in anteprima le recensioni delle prossime novità editoriali, farti due risate con la nostra rubrica degli equilibri giocosi e interessarti a scoprire nuovi talenti emergenti.

Se questo non bastasse in regalo per te l'ebook: Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello.

Ti sei iscritto con successo.