La stella alpina e la farfalla | Libro di Matteo D’Angelo

Il libro di Matteo D'Angelo

Il libro di Matteo D’Angelo

La storia di Marianna è quella di un donna  qualunque con un esistenza ordinaria, con un lavoro e una vita sentimentale-amorosa ancora non pienamente realizzata. Ciò che però la distingue in positivo è l’innata ricerca di un miglioramento interiore attraverso il quale si possa liberare dalle scorie del passato e vivere in libertà, capace di stare da sola, ma anche in compagnia, con la precisa vocazione ad abbattere le barriere di incomprensione, invidia, arrivismo che spesso si creano tra gli individui, trascendendo così  il bene comune per una egoistica affermazione di sé.

Solo liberando l’anima dal negativo, con un progetto che parte dalla ricerca del Sé profondo, che lo scrittore individua in quell’UNO/TUTTO della filosofia orientale in cui siamo gettati all’inizio della vita, prima che inizi il samsara della incarnazione che tutto sconvolge, Marianna riesce a congiungere parti maschili e femminili che si agitato e la pungolano nella sua interiorità e a cambiare così il suo atteggiamento nei confronti del mondo esterno, in cui si avvertono personaggi femminili arroganti e invidiosi che all’inizio ledono l’equilibrio interiore della protagonista, ma che alla fine risultano inoffensivi per via del perfezionamento interiore che giunge a compimento.

Come ogni degna ricerca interiore vi è un guru, il vecchio saggio, che la guiderà, accanto a positive figure maschili che emanano amore per il genere femminile, verso la conquista di quella condizione augurabile per tutti in cui ci sentiamo “delicati e belli come una farfalla, preziosi e forti come una stella alpina”.

Per pervenire a tale grandezza d’animo ed entrare in espansione col Tutto/Uno bisogna destrutturare le certezze e volare come il “gabbiano Jonathan” sul mondo col le ali spiegate e il cuore aperto; solo così la donna riuscirà a superare invidia e competizione nei riguardi del suo genere ed aprirsi veramente nell’amore per l’Altro da sé e ad arrivare a quel sentimento di amicizia per l’umano, suo simile, in un rispecchiamento totale.

LEGGI ANCHE:  Certe strade semideserte: Intervista a Roberta Impallomeni

Dall’opera, scritta in modo fluido, scorrevole e accattivante, si evince tutta l’attenzione dello scrittore per la filosofia, che è per definizione non solo “amore per la sapienza, ma anche serena e morbida riflessione sulla relazione dell’uomo con sé e col mondo esterno, certo che. solo partendo da sé, si può cambiare il mondo. Ho riletto in Matteo D’Angelo una sincera e proficua ricerca interiore che ricorda tanto il Siddharta di H. Hesse, con cui condivide questa tensione interiore di superamento del le reincarnazioni per arrivare ad essere un Buddha.

Marianna è una Siddharta al femminile, nonostante ovviamente la differenza di prosa tra il grande scrittore e il giovane e pur bravo esordiente, ed è un personaggio magnetico, calamitico, che attrae perché tutti siamo in ricerca, una ricerca mai paga, che esige sempre di cambiare rotta per ritrovarsi   soli e felici di fronte al mare. Il mare è il luogo dove si rifugia il personaggio per sentire il battito del suo cuore che trema nella solitudine , mentre si rafforza nel suo positivo, dandole modo di capire che tutto quello che cerca è tra le sue mani, che non si perde nulla se si accetta l’evoluzione dell’Essere e si capisce che ogni giorno è il giorno giusto per la realizzazione dei propri desideri, perché la vita dell’uomo si coglie in sintonia col ritmo delle stagioni e della Natura tutta.

Il testo ha un contenuto estremamente interessante perché è un viaggio interiore di amore e rafforzamento di sé ed è un tributo che il giovane scrittore paga al mondo femminile, indicando una possibile strada da praticare per migliorare il livello di benessere personale e di efficacia della relazione.

LEGGI ANCHE:  Laura Bassutti, autrice del racconto Morte in Pineta

Contenuto gradevolissimo e stile fruibile sono i due ingredienti che fanno di questo libro un testo positivo che consiglio a chiunque abbia qualcosa da modificare in meglio in questo passaggio sulla terra prima di uscire dal samsara delle reincarnazioni.

Autore: giovannaalbi

Giovanna Albi nasce a Teramo, dove si diploma al Liceo Classico con 60/60 e lode. Laureata in lettere classiche e in filosofia (due lauree) con 110 e lode ,insegna latino e greco dal 1987 e collabora con l'UNIPG. Ha seguito un tirocinio lacaniano di sette anni a Milano. Scrive dal 2010. Ha pubblicato 4 romanzi e ha vinto concorsi letterari. E' recensionista e critico letterario

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Aspetta, non lasciare soli i nostri libri!

Non perdere l'occasione di leggere in anteprima le recensioni delle prossime novità editoriali, farti due risate con la nostra rubrica degli equilibri giocosi e interessarti a scoprire nuovi talenti emergenti.

Se questo non bastasse in regalo per te l'ebook: Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello.

Ti sei iscritto con successo.