Turpe diva e Stucchi, intervista all’autore Federico M. Giuliani

federico maria giuliani, turpe diva

Federico M. Giuliani

Quattro chiacchiere con Federico M. Giuliani. Dopo la recensione di Stucchi (che potrete trovare qui) e la recensione del suo Turpe diva (disponibile qui), primo legal reality show postmoderno, l’autore ci concede un po’ del suo tempo per rispondere alle nostre domande.

Stucchi è la sua quarta raccolta di poesie. Trova che i versi siano capaci di esprimere in modo migliore la propria visione delle cose oppure è solo un mero gioco di lettere?

Sono convinto che la poesia esprima quanto più possibile ciò che sono. Molto più della prosa. E della stessa saggistica. Non ho mai pensato a un semplice gioco.
Che poi al fondo la mia persona senta la vita (anche) come gioco – al massacro ovviamente visto l’esito infausto -, è un’altra questione.

Turpe Diva, il suo secondo romanzo dopo Avvocati Maledetti, è il primo caso di legal reality show postmoderno. Ci spieghi meglio.

Il fenomeno dei reality show mi ha interessato nell’ultimo decennio. Non essersene accorti significherebbe avere perso un pezzo di mondo. Già oggi praticamente consunto, ma che è stato la sola vera invenzione del nuovo secolo nello show business. (In confronto il tridimensionale del cinema è mera sovrastruttura tecnologica che non coinvolge l’uomo.). Il reality è stato un fenomeno sì, ma da baraccone, genialmente intuito ante litteram da Federico Fellini con Ginger e Fred. A questo girotondo consumeristico ho poi incollato il diritto e gli avvocati. Ne è uscito Turpe diva.

Nelle sue opere traspare sempre una zaffata d’odio verso gli avvocati, professione che lei esercita da anni. Sberleffo alla categoria o cosa?

Bisogna sempre essere poco teneri con la propria categoria e con se stessi. Per ricordare ancora una volta Fellini (si licet magna componere parvis), ha visto come tratta i registi nei suoi film? Pensi a Otto e mezzo

A questo punto la domanda è d’obbligo: si sente più avvocato, poeta o romanziere?

Un modesto lettore.

Progetti per il futuro?

Fare un film? (Magari!)

Le opere di Federico M. Giuliani sono disponibili per l’acquisto direttamente sui siti ufficiali delle case editrici: Stucchi è in vendita sul portale della Aletti Editore, mentre Turpe diva è in vendita su La Riflessione.

Leggi anche:

Hai trovato interessante questo articolo?

Aiuta questo sito a promuovere gli autori emergenti, diffondi i contenuti che ritieni validi sul tuo social network preferito o iscriviti alla newsletter. Basta un clic e non costa nulla!

Nessuna rispostaa “Turpe diva e Stucchi, intervista all’autore Federico M. Giuliani”

Trackbacks/Pingbacks

  1. Intervista a Federico M. Giuliani su www.recensionilibri.org | Federico Maria Giuliani - [...] http://www.recensionilibri.org/2013/07/turpe-diva-e-stucchi-intervista-allautore-federico-m-giuliani... [...]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>