Manola Aramini, autrice del libro Gabbiani Luminosi

Manola Aramini

Manola Aramini

Intervista a Manola Aramini, autrice del libro Gabbiani Luminosi. Le donne fantasma di Mussolini.

Salve, le va di raccontarsi ai nostri lettori?

Raccontarsi è sempre difficile, in ogni caso dovendomi definire mi descriverei come una donna passionale e molto intraprendente, nel lavoro come nei sentimenti.

Come mai l’idea di scrivere un libro di questo genere?

È un libro sentimentale, che vuole offrire al lettore spunti di riflessione, riguardo alle passioni e gli amori che segnano le vite. Uno dei messaggi che vuole trasmettere il libro, è di non idealizzare un amore, come ha fatto Costanza per tutta la vita. Ho iniziato a scrivere la storia di Costanza (che è un personaggio realmente esistito) una donna incapace di emozionarsi e piangere. Descrivendo i suoi genitori, ho dovuto contestualizzarli nel periodo storico: il fascismo. Un periodo che, tuttavia, viene considerato solo descrivendo la sfera intima e sentimentale del Duce. Qualcuno potrebbe definirlo come un romanzo in cui compaiono “pettegolezzi storici”.

Il mix fantasia storiografia sembra dare vita ad un connubio interessante. Lei quale aspetto ha preferito sviluppare?

Ho preferito scrivere la parte fantasiosa, perché la parte storiografica richiede -quasi sempre- ricerche, tempo e un po’ di fatica. Le lettere che le amanti di Mussolini gli scrivono, derivano da documenti autentici. Non ci sono elementi inventati nei riferimenti storici, perché non voglio diffondere falsità. Gli elementi fantasiosi riguardano il resto del romanzo e sono talvolta estremizzati, attraverso le figure dei fantasmi che compaiono dinnanzi a Costanza.

A chi pensa si possa rivolgere prevalentemente questo romanzo?

Il romanzo è rivolto soprattutto alle donne dai trent’anni in poi, che amano libri che non siano solo di puro intrattenimento.

LEGGI ANCHE:  Una vita da eroe di Roddy Doyle

Quando ha iniziato a scrivere e qual è il suo background letterario?

Ho la passione della scrittura da sempre, non so darne una spiegazione razionale. Le mie scrittrici preferite sono : Isabel Allende, Charlotte Link, Lesley Lokko, Cinzia Tani, Susanna Tamaro. Tra gli scrittori prediligo: Josè Saramago, Khaled Hosseini. Per quanto riguarda i classici: Italo Calvino, Emilly Bronte, Gustave Flaubert  e Alessandro Manzoni.

 

Autore: Giusy Casciaro

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Aspetta, non lasciare soli i nostri libri!

Non perdere l'occasione di leggere in anteprima le recensioni delle prossime novità editoriali, farti due risate con la nostra rubrica degli equilibri giocosi e interessarti a scoprire nuovi talenti emergenti.

Se questo non bastasse in regalo per te l'ebook: Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello.

Ti sei iscritto con successo.