Come nasce un cavaliere | Libro I°dei Racconti delle Lande Percorse

cover

Come nasce un cavaliere è un fantasy medievale edito da Caosfera edizioni

Un’opera prima merita comprensione e spesso l’ingenuità delle soluzioni degli esordienti stupiscono assai. Talvolta invece (pare il caso di questo libro) ci si imbatte in un prodotto singolare, con un profilo un po’ incerto ma di fascino indubbio. Il romanzo di esordio di Diego Romeo Come nasce un cavaliere, pur appartenendo al genere fantasy, introduce elementi eccentrici al tipico assortimento della pur copiosa produzione simile, aggiungendo una concretezza storica e una vaghezza linguistica a tratti inconsueta. Val la pena dunque immergersi nelle pagine e trovarsi di fronte a passaggi magari inaspettati. Pur in cerca di uno stile personale che traspare da continui riferimenti aulici (a tratti eruditi fino a rasentare la pedanteria), il novello autore dipana diffusamente molti fili narrativi, senza prediligere il lato visuale dell’azione ma serrando l’intreccio intorno a personaggi che si imbattono sul cammino di un Generale sul campo di battaglia, in una formula schematica che forse tende alla ripetizione.

Un romanzo doppiamente di formazione, non solo perché (per diretta affermazione dello scrittore) riporta molte delle ambientazione di un accanito frequentatore del genere fantasy, ma perché sembra leggersi tra le righe la ricapitolazione di un uomo, il Generale Hurik Van Gotten, che alle soglie della maturità e in vista del massimo incarico di responsabilità della sua vita, rilegge l’esperienza personale vissuta in gioventù come una serie di incontri con Maestri e guide, nella disciplina e nell’etica inflessibile di una civiltà imperiale molto coerente al Medioevo cristiano. L’ucronia presenta cornici narrative sfalsate, e spesso gli inserti eziologici sembrano poco integrarsi con lo scorrere delle eroiche imprese d’onore cavalleresco: tant’è, il risultato avvince forse proprio per un qualche sentore di incompiutezza, o meglio per la promessa (che l’autore propone al lettore già dall’introduzione) di approfondire temi, luoghi e psicologia dei personaggi nelle prossime tappe della trilogia che qui inizia.

LEGGI ANCHE:  È già mattina. Storia di Alessandrina, «la bambina che visse due volte» di Alberto Samonà

Aver proposto tanti spunti (molti lettori accorti troveranno, in effetti, allusioni e citazioni non solo al genere letterario specifico ma a contesti storici e letterari in parte dichiarati) impegna poi a mantenere il proposito di tratteggiare un affresco all’altezza dell’esordio. L’intento sembrerà velleitario, ma nel testo emergono continui spunti di interesse: vedremo se si tratta di fortuna del neofita o di una nuova voce consapevole nel panorama della letteratura d’evasione (e non solo).

 

Autore: Diego Romeo

Diego Romeo (Napoli, 1976) vive a Roma dove è cresciuto e lavora come impiegato. Nel 2002 ha conseguito la Laurea in Lettere e Filosofia, indirizzo storico religioso. Sposato con Sophie e padre di due figli, fin da adolescente ha coltivato la passione per il genere fantasy e per la fantascienza, sviluppando una tecnica efficace nella pittura di miniature. Dal 1998 collabora in un’attività di volontariato sviluppando una passione per la città in cui vive e per la complessità delle persone che la abitano (stranieri, poveri, anziani, Rom, malati e disabili). Frequenta il Laboratorio d’arte sperimentale “Gli Amici” per persone disabili nel quartiere romano di Garbatella, luogo di incontro e di amicizia profonda.

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Aspetta, non lasciare soli i nostri libri!

Non perdere l'occasione di leggere in anteprima le recensioni delle prossime novità editoriali, farti due risate con la nostra rubrica degli equilibri giocosi e interessarti a scoprire nuovi talenti emergenti.

Se questo non bastasse in regalo per te l'ebook: Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello.

Ti sei iscritto con successo.