Il giorno che ci incontrammo, un romanzo di Lizzie Enfield

Blame it on a simple twist of fate
Bob Dylan, Simple twist of fate
Il giorno che ci incontrammo, un romanzo di Lizzie Enfield

Il giorno che ci incontrammo regala al lettore interrogativi sul destino e sugli strani incontri che la vita riserva

È difficile farsi un’idea chiara e precisa su ciò che i comuni mortali chiamano destino. Sì, insomma, non è facile capire se le nostre vite siano appese a un filo, mosso da un vecchio burattinaio stanco che si diverte a ingarbugliare la matassa, combinando fugaci incontri e struggenti adii. Non è facile capire se siamo davvero artefici del nostro fato o se qualcuno per noi ha già scritto i capitoli della nostra esistenza.

A regalarci dolci attimi di riflessione rinchiusi nelle pagine di un affascinante romanzo, questa volta è Lizzie Enfield con il suo lavoro dal titolo Il giorno che ci incontrammo, edizioni Tre60L’autrice è inglese ed è un’affermata giornalista, collabora con diverse testate nazionali e  vive a Brighton col marito e i tre figli.

Protagonista de Il giorno che ci incontrammo, un romanzo a tratti autobiografico, è la giornalista Holly Costantine che, da anni, ogni mattina, si sveglia accanto al marito. Nel suo letto, un uomo che lei ormai quasi non riconosce più. La banalità e la routine prendono il sopravvento e da anni, sempre alla stessa ora, Holly prende il treno da Brighton per recarsi negli uffici della BBC, a Londra. Da anni, la vita della ragazza viaggia sui binari della noia e della prevedibilità.

Fino a che “un giorno come tanti altri diventa il giorno in cui il destino di un uomo e di una donna cambia per sempre”. È il giorno in cui un terribile incidente ferroviario stravolge la loro esistenza. È buio, Holly è avvolta da una nuvola di fumo. È molto spaventata e molto sconvolta. La donna non ce l’avrebbe fatta senza l’aiuto di uno sconosciuto, senza l’aiuto di uno straniero che, in attesa dell’arrivo dei soccorsi, le tiene la mano e la rassicura sul fatto che tutto sarebbe andato per il meglio.

Quelle parole che le hanno dato la forza di resistere, quella voce che le ha regalato speranza nei momenti più angoscianti, dopo alcune settimane, le danno il coraggio di superare la paura e riprendere il treno per tornare a lavoro. Sulla solita banchina, Holly riconosce la voce di quell’uomo, la voce dello sconosciuto che le ha sussurrato meravigliose parole in quei momenti difficili, e decide di presentarsi. Legati da quella brutta esperienza e spinti da un’inarrestabile curiosità, i due iniziano a frequentarsi, a conoscersi, a scoprirsi, condividendo gioie e dolori. Entrambi è come se provassero le stesse emozioni, la stessa strana sensazione che non li fa stare bene nel mondo, che non li fa vivere com’era prima dell’incidente. Ne sentono i postumi, gli strascichi, i sensi di colpa per i pochi che hanno perso la vita in quella tragedia. Iniziano a sentirsi bene solo stando insieme. Le loro esistenze si intrecciano.

Ma si sa, questi giochi possono diventare pericolosi, e ben presto anche a loro, la situazione inizierà a sfuggire di mano. Si troveranno ad affrontare delle scelte che cambieranno per sempre la loro vita.

Il libro è già acquistabile sul sito laFeltrinelli.it al prezzo di €8,41.

Leggi anche:

Hai trovato interessante questo articolo?

Aiuta questo sito a promuovere gli autori emergenti, diffondi i contenuti che ritieni validi sul tuo social network preferito o iscriviti alla newsletter. Basta un clic e non costa nulla!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>