1994 di Giuseppe "Leo" Leonelli 1994 di Giuseppe "Leo" Leonelli

1994 di Giuseppe “Leo” Leonelli

La copertina del libro di Giuseppe “Leo” Leonelli

La presentazione del libro di Giuseppe “Leo” Leonelli.

1994, questo il titolo del romanzo, è più di un numero.

1994 è un anno del secolo scorso in cui succede di tutto:

un uomo d’affari diventa capo del governo, il miglior calciatore della nazione sbaglia il rigore decisivo nella finale della coppa del mondo e un gruppo di adolescenti incontra un Oracolo che rivela loro un’antica profezia.

Quel gruppo di adolescenti, loro malgrado, sono i protagonisti del romanzo, le persone a cui è affidato il compito di far sì che la profezia si possa realizzare.

Ambientato a Poltiglia, luogo immaginario molto simile all’Italia  il romanzo segue due fili narrativi, che nella prima metà si sviluppano separatamente per poi intrecciarsi e fondersi l’uno nell’altro.

Poltiglia è governata dall’Altissimo un uomo carismatico e spregiudicato che ha fondato dal nulla un partito, risultato inaspettatamente vittorioso nelle elezioni politiche di quell’anno. All’Altissimo bastano pochi mesi per condurre Poltiglia alla desolazione, a farla regredire fino al punto da essere considerata un paese sottosviluppato. In poco tempo perde di vista le necessità della nazione, pensa solo a se stesso e si dedica esclusivamente ai propri interessi. L’Altissimo è sostenuto dagli uomini del suo partito che lo assecondano in ogni situazione e, al tempo stesso, non incontra nessuna opposizione a causa della pochezza morale e politica dei suoi avversari.

Sarà un gruppo di adolescenti a far sì che l’Altissimo possa ritrovare la ragione e chiedere scusa al popolo di Poltiglia.

I ragazzi vivono a Balanzona, città famosa per la presenza di due torri, di cui una pendente, e per i tortellini. All’interno delle torri vivono due oracoli che rivelano ai giovani l’esistenza di una profezia che li ha scelti per liberare il paese da politici corrotti e autoreferenziali.

LEGGI ANCHE:  Alessandro Magno e i prescelti venuti dal futuro

Gli adolescenti si lasciano coinvolgere da eventi inaspettati e al di sopra della loro immaginazione, senza però dimenticare la spensieratezza e la spontaneità della loro età. Vivono con partecipazione il compito assegnatogli dal destino, ma in loro si possono trovare l’entusiasmo, i sentimenti, lo spirito di condivisione, la semplicità, i sogni e i turbamenti di qualsiasi adolescente.

1994, edito da Incontri Editrice, è acquistabile on-line sul sito ibs.it. Buona lettura!

 

Autore: giuseppe leo leonelli

L’autore di 1994 è un vagabondo della ristorazione con la passione della scrittura. Attualmente trascorre le giornate in un bar di Vignola ai piedi delle colline modenesi. I suoi lavori precedenti: “Santa Maria” con Giraldi Editore (2006), “Hasta Siempre!” con Oppure Editore (2008), il racconto “Almeno non sono grigie” per Toilet 19 di 80144 Edizioni e “Le campane di Bobbio” per Marcos y Marcos.

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *