Niente parole d’amore per un fucile, una raccolta di poesie di Cesare Oddera

Niente parole d'amore per un fucile, poesie di Cesare OdderaCesare Oddera è uno che ci sa fare, con le parole, ti prende per mano e ti accompagna dove vuole lui. Avrebbe potuto benissimo essere una brava guida turistica, o un venditore di automobili, fortunatamente (per noi e per lui) scrive poesia.

Niente parole d’amore per un fucile esce a più di dieci anni dalla sua precedente raccolta di poesie, la prima, Plasticolandia, e la differenza si vede: lasciati da parte i giocattoli del ludolinguismo e una certa posa da poeta beat, maturando ha preso le misure con se stesso e con il suo mondo.

È un mondo di paese, quello dove ci accompagna per mano Oddera con le sue poesie, il mondo che conosce bene perché lo frequenta fin da bambino, pietra per pietra, albero per albero, storia per storia. Un mondo fatto di quotidianità, in tinte pastello.

“Non costava caro

nutrire qualche speranza

Le mie speranze

mangiavano come uccellini

Anna pure masticava

la poca mollica rimasta sul tavolo,

ne faceva palline e

c’imboccava al balcone

i passeri perduti

degli anni a venire

[…]”

(Briciole ad Anna)

Oddera racconta questo mondo con il tono quasi sommesso di certe preghiere, e se a volte si lascia andare ad un tono più alto, più lirico è per regalarci immagini affilate che colpiscono dritto alla gola.

 “[…]

Non temere, perché sarai sempre

i miei occhi sulla luna

ed è solo una deplorevole burocrazia

ad imporci la vanità d’un camposanto

Il nostro amore sarà seppellito

con gli occhi spalancati

Guarderà la luna ininterrottamente,

fino al Giorno del Giudizio”

(Il ponte)

 E poi ci sono le donne. Ce ne sono tante, in Niente Parole d’Amore per un fucile, alcune caratterizzate da una forte carnalità, che però non diventa mai volgarità. La volgarità svilisce il ruolo della donna, la rende mero oggetto portatore di caratteristiche sessuali, Oddera invece rende le sue donne portatrici di bellezza, altari su cui sacrificare e sacrificarsi, muse ispiratrici, ma muse con un corpo.

LEGGI ANCHE:  "Ho scelto! Teorie e pratiche delle scelte universitarie a Perugia"

 “Finalmente ci tocchiamo tra le gambe

le parole che la tua lingua

pronuncia nella mia bocca

compongono la mia poesia più bella

[…]”

(Amanti)

 “Lei andava per i venti e aveva voglia di una guerra

 Indossava una vestina che le volava via

sui fianchi come la coda di un pavone

[…]”

(Nemici alleati)

 Anzi, è il corpo della donna la poesia più bella, o più bello di qualsiasi poesia

 “[…]

Finalmente nella stanza

c’è solo un corpo di donna

Il verdetto è: nuda,

e almeno per una volta

non si tratta di una metafora

Non sono costretto

a paragonarti a niente

[…]”

(Restituirti un corpo)

 In questa raccolta ci sono anche un sacco di altre cose, come in ogni opera che meriti di portare questo nome, ma più che parlarne in una recensione è forse meglio lasciarsi prendere per mano da Oddera, e lasciare che sia lui a portarci a scoprirle.

Scheda del libro:

Titolo: Niente parole d’amore per un fucile

Autore: Cesare Oddera

Nota introduttiva di Gianmario Lucini

Copertina e illustrazioni di Francesca Leoncini

Editore: Edizioni CFR

Anno: 2012

ISBN: 978-88-97224-36-5

Prezzo: 10,00 € (disponibile su lafeltrinelli.it)

Autore: Francesco Vico

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aspetta, ami anche tu il profumo dei libri? Sostieni l'editoria emergente!

Ogni settimana un racconto gratis da scaricare. In più aggiornamenti sulle novità editoriali e le recensioni a cura della nostra redazione.

Grazie! Controlla la tua casella di posta e inserisci il nostro mittente nella tua rubrica per avere la certezza di ricevere le nostre email.

Pin It on Pinterest