Volontà di Potenza, di Marco Gabrielli: un saggio sulla filosofia di Nietzsche

Volontà di potenza, di Marco GabrielliMarco Gabrielli è l’autore del saggio Volontà di Potenza (edizioni Aletti), un’opera analitica che spiega il concetto di volontà di potenza, ripercorrendo lo svilupparsi del pensiero di Nietzsche, uno dei filosofi che ha suscitato contrastanti interpretazioni e per il quale sono stati scritti numerose trattazioni.

Incisivo e chiaro sin dall’inizio della sua opera, Marco Gabrielli afferma di avere “una cinica visione della realtà” chiarendo il concetto con l’aggettivo “imparziale” e aggiunge: “Il mondo in cui vivo mette delle volte ingiustificatamente da un canto riguardi e timori verso decorose consuetudini; perciò sia concessa anche a me la possibilità di farlo, mancando di tatto verso qualche usanza e procedendo, appunto, cinicamente”.

Gabrielli mette in evidenza le caratteristiche della volontà di potenza, identificando quest’ultima con il carattere della vita. In seguito si sofferma a parlare del carattere e dell’istinto, componenti fondamentali dell’essere umano, affermando che “Il carattere si presenta dunque come qualcosa d’immutabile […]” .

Dopo un rapido confronto tra Nietzsche e Schopenhauer e un discorrere sul nichilismo divino, fondamentale per la trattazione della tematica del saggio è il pensiero sul corpo, che è principio di identità e di autoaffermazione; Gabrielli scrive: “L’unità sintetica che noi chiamiamo ‘corpo’ consiste in un ordine preciso e diveniente di esseri-funzione in mutua conflittuale cooperazione. Il principio della volontà di potenza, cioè quello di autoaffermazione, procede di pari passo con l’evolversi e lo strutturarsi delle funzioni organiche”.

Dopo aver spiegato i concetti della morte di Dio e del superuomo (argomenti essenziali del pensiero della filosofia di Nietzsche), l’autore parla della volontà di potenza come capovolgimento della verità, parla della memoria organica e, trattando l’argomento dell’eterno ritorno, (altro concetto basilare del pensiero nietzscheschiano) affronta il tema della volontà di potenza idealistica.

LEGGI ANCHE:  "L’invisibile ovunque" dei Wu Ming

Marco Gabrielli, romano, è uno studioso del pensiero contemporaneo tedesco; ha conseguito la Laurea nel 2009 scrivendo una tesi sulla filosofia di Hannah Arendt.

Autore: Rosaria Andrisani

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Aspetta, non lasciare soli i nostri libri!

Non perdere l'occasione di leggere in anteprima le recensioni delle prossime novità editoriali, farti due risate con la nostra rubrica degli equilibri giocosi e interessarti a scoprire nuovi talenti emergenti.

Se questo non bastasse in regalo per te l'ebook: Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello.

Ti sei iscritto con successo.