Edicola Italiana: l’edicola digitale sarà presto on line

La Repubblica nell'Edicola digitale

La Repubblica nelle sue versioni digitali (Fonte: Cineguru.biz)

 

Il virtuale sembra essere in procinto di prendere davvero il sopravvento sulla carta stampata rispetto alla quale gode della possibilità di veicolare un numero maggiore di informazioni in continuo aggiornamento, e di raggiungere una quantità potenzialmente inesauribile di lettori.

Sulla scorta di queste considerazioni, i quattro principali editori dell’informazione italiana, Il Sole 24 Ore, L’Espresso, Mondadori e RCS, hanno annunciato nel mese di marzo 2012 l’apertura di un’edicola digitale. Questa nuova forma di compravendita di quotidiani e periodici andrà verosimilmente a soppiantare la vecchia cara edicola, simbolo di piazze e vie cittadine, e luogo di aggregazione per quanti instaurano con l’edicolante un rapporto personale di conoscenza.

I quattro editori hanno firmato un accordo che li lega in una sorta di consorzio per l’apertura di un’edicola virtuale, la cui attività non sarà scandita ovviamente da alcuna limitazione di tempo. Con l’edicola digitale l’utente non dovrà cioè aspettare più la consegna all’alba dei quotidiani freschi di stampa, e non dovrà preoccuparsi che altri lettori appassionati quanto lui abbiano comprato l’ultima copia a disposizione del suo quotidiano o del suo periodico preferito. I prodotti saranno acquistabili in formato digitale, e, in base alla lettera d’intenti firmata dai quattro, il progetto dovrebbe essere attivo tra qualche mese con il nome facilmente riconoscibile e memorizzabile di Edicola Italiana.

Il Corriere della Sera nell'Edicola digitale

La versione per tablet del Corriere della Sera (Fonte: Corriere.it)

Il consorzio non si configura inoltre come un ente chiuso, ma prevede un’apertura a tutti quegli editori che vorranno a loro volta consorziarsi  per favorire la distribuzione dei propri prodotti editoriali. L’accesso all’edicola digitale sarà possibile tramite qualsiasi supporto, dai personal computer ai tablet fino agli smartphone. Quotidiani e riviste saranno ordinatamente esposte su una serie di scaffali digitali, pensati per facilitare la consultazione e la scelta dell’utente.
Per tutti quegli editori che, pur essendo interessati all’iniziativa, non dispongono ancora di versioni digitali dei loro prodotti, il consorzio mette a disposizione un apposito sfogliatore.

LEGGI ANCHE:  Premio Italo Calvino 2014

L’intento con cui nasce l’edicola digitale è quello di stabilire un contatto più diretto con i propri lettori attuando, allo stesso tempo, un controllo immediato e concreto delle poprie politiche commerciali. L’iniziativa è volta, infatti, a ottenere anche una maggiore libertà nella definizione dei costi al pubblico dei singoli prodotti editoriali.

Autore: Rina Zamarra

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest