Premio Mario Rigoni Stern. Quando la montagna è d’esempio ad una nazione

Passando dalla letteratura che ha contribuito all’Unità italiana, alla letteratura che ha portato un piccolo mondo locale nel panorama nazionale. Parliamo di Mario Rigoni Stern, lo scrittore che è riuscito a descrivere in modo originale la cultura della gente di montagna.

Ha raccontato le Alpi come orizzonte letterario, e il legame tra chi vive sulle alture con il loro ambiente naturale. Le montagne del nord Italia sono diventate con Stern anche un ambiente storico, proponendo inoltre visioni ecologiche e etiche del vivere quotidiano.

Il premio dedicato a Mario Rigoni Stern (qui in foto) è dedicato a tutta la cultura alpina che, anche se frammentata, è unita nel modo di vivere

Il premio dedicato a Mario Rigoni Stern (qui in foto) è dedicato a tutta la cultura alpina che, anche se frammentata, è unita nel modo di vivere

Per questo nell’anno dell’anniversario dell’Unità d’Italia, è anche utile ritrovare tutte quelle località che possono contribuire a fare del Paese un posto migliore. Per far ciò è dedicato a Rigoni Stern un premio letterario aperto a tutte le lingue dell’arco alpino, dunque con tutte le sfaccettature che questa ampia regione offre. La prima edizione del premio, rilasciato nella sala consiliare di Palazzo Baldi a Venezia, è avvenuta il 22 febbraio.

Il premio è stato rilasciato dalla Regione Veneto, di cui era presente il Vice Presidente e l’Assessore alla Cultura. Sono state spese parole importanti riguardanti l’uomo a cui è stato dedicato il premio. Mario Rigoni Stern, si è  sottolineato, è stato molto importante per difendere e diffondere la cultura e le tradizioni delle genti di montagna, grazie anche a romanzi come l’autobiografico “Il sergente nella neve”.

E’ un universo culturale complesso, ispirato da tolleranza e solidarietà, che fa da cerniera tra nord e sud Europa, tra aera mediterranea e area mitteleuropea. Un’ampia zona che ha un grande bagaglio artistico, tra cui letterario, ma non solo.

LEGGI ANCHE:  Premio Nobel per la Letteratura 2013: i favoriti

Stern è legato infatti a doppio filo con un artista di cui era innamorato: Jacopo Bassano. Ai suoi dipinti si è ispirato diverse volte, e proprio per questo, dopo il premio letterario, gli studiosi si riuniranno attorno ai capolavori del pittore fra il 26 marzo e il 3 luglio.

Così il Vice Presidente della giunta regionale ha spiegato il legame: “Abbiamo messo insieme questi due artisti perché sono veneti e perché attraverso gli scritti di Rigoni Stern su Jacopo Bassano, ci viene restituita l’immagine di uno straordinario artista.”

Il punto di contatto sarà presentato il 30 marzo a Bassano. Sarà infatti proposta una lettura della bellissima lettera che Mario Rigoni Stern dedicò a Jacopo Bassano.  Un piccolo passo è stato anticipato in una conferenza stampa: “In tutti o quasi i tuoi dipinti c’è la luce della creazione, dell’alba sopra le montagne. Non c’è il sole radioso, ma quella luce che fa fremere il creato e lo fa nascere dal buio.”

Il Premio si alternerà fra Trentino e Veneto con cadenza annuale, articolato in due sezioni: narrativa e saggistica, ognuna delle quali biennale. Il concorso per i saggi avrà sede ad Asiago con premiazione negli anni dispari a partire da quest’anno, mentre quello per la narrativa e la relativa premiazione si terranno a Riva del Garda (Tn) negli anni pari a partire dal 2012.

Le opere possono essere scritte in tutte le lingue parlate sulle Alpi: compresi il ladino, il francoprovenzale, il friulano, il romancio, lo sloveno e altri idiomi di alta quota. Proprio perché, come sottolineava Rigoni Stern, “la vita in montagna accomuna tutte le comunità dell’Arco Alpino, al di là delle differenze linguistiche”.

LEGGI ANCHE:  15-17 Novembre: Pisa Book Festival 2013

Per maggiori informazioni sul premio e sull’attività del comitato www.premiomariorigonistern.it info@premiomariorigonistern.it.

Autore: Alex Buaiscia

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest