Sospiri

fronteAutore: Giuseppe Mastroianni<
Casa Editrice: Boopen
Sospiri si configura come il percorso simbolico di un’anima inquieta alla ricerca della perfezione o dell’eterno, inteso come immutabilità dell’essere nella sua più completa e infinita realizzazione.

La ricerca di questa perfezione ha inizio con un “Preludio” in forma di prosa poetica, in cui viene descritto un apparire del mondo caotico e incerto, come un mare in cui, naufrago, il poeta si erge sulla scogliera contemplando le onde immortali del mondo che lo circondano, mentre indistintamente nelle profondità dell’abisso oscura appare a tratti la sua più intima essenza, che si illumina di tanto in tanto portando solo alla disperazione, d’accontentarsi solo di brandelli, di barlumi, di frammenti di verità che sono come acqua, che presa tra le mani sfugge.

Di fronte a questa impossibilità dell’uomo di conoscere la natura vi è allora l’ultima speranza: quella di trovare la felicità. Ed ecco dunque la ricerca di questa nel concetto di “illusione”, ossia nelle vie, tra le principali di queste l’amore, la gloria (intesa come dominio dell’uomo sul mondo e sui suoi eventi), la fede, la notte, la bellezza ecc…che possono condurre al fine ultimo dell’esistenza, ma che tendono a deludere e ad ingannare forse ancora più del mondo.

Le certezze infine cadono una dopo l’altra e neanche nell’amore vi è riparo dall’angoscia esistenziale che affligge l’umanità e in generale i cuori di coloro che avvertono il flusso, l’uragano violento della passione, del furore poetico, il quale, languido, non può far altro che “poetare” (inteso come realizzazione di sé) ed esistere nel mondo in cui il “velo di Maya” è stato squarciato e non esistono più verità o certezze assolute, se non una sola oltre la certezza dell’essere: la fine dello stesso (con sua conseguente liberazione dal ciclo dell’insensato vivere del mondo).

LEGGI ANCHE:  Pontedera e #ioleggoperché: la Festa dei Libri e dei Lettori

Rimane dunque, a testimonianza di quanto detto nel preludio e nel resto del libro, un “Ateludio” (parola coniata dall’autore; dal greco “Atelos”: senza fine, senza scopo) in cui viene riassunto tutto il percorso compiuto dall’animo umano assieme ad ulteriori rivelazioni sulla natura del mondo.

Autore: Giuseppe Mastroianni

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aspetta, ami anche tu il profumo dei libri? Sostieni l'editoria emergente!

Ogni settimana un racconto gratis da scaricare. In più aggiornamenti sulle novità editoriali e le recensioni a cura della nostra redazione.

Grazie! Controlla la tua casella di posta e inserisci il nostro mittente nella tua rubrica per avere la certezza di ricevere le nostre email.