La bancarotta del capitalismo

copertina-tosi

LA BANCAROTTA DEL CAPITALISMO

Dopo la dittatura del proletariato crolla la dittatura del capitale

Autore: Leonello Tosi

Editore: Miele

Appena vent’anni fa, con la caduta del muro di Berlino, crollava il regime comunista che aveva storicamente incarnato la sanguinosa e disumana dittatura del proletariato. Si innalzarono subito inni alla superiorità del capitalismo quale unico sistema economico capace di produrre libertà e progresso in tutto il mondo. Si è instaurata da allora, su tutto il pianeta, una vera e propria dittatura del capitale, alimentata dalla ricerca ossessiva del massimo profitto e da un selvaggio sistema bancario e speculativo, che ha fatto credere che il mondo fosse ormai avviato verso la ricchezza infinita e generalizzata. Dopo appena vent’anni questo sistema invincibile si è sgretolato improvvisamente, mostrando a tutto il mondo la miseria morale che lo ha alimentato e la miseria economica che lascia in eredità al pianeta. Eppure ancora quasi tutti tengono gli occhi chiusi per non vedere quello che è successo veramente: la bancarotta fraudolenta del sistema capitalista.

Se solo si avesse il coraggio di sgombrare il mondo dalle macerie lasciate da questa oscena dittatura, sotto le quali invece una moltitudine di “zombie” si sta già riorganizzando, si aprirebbe davvero una nuova stagione in cui potrebbe affermarsi l’unico sistema economico capace di produrre uno sviluppo duraturo e sostenibile: l’economia umanistica fondata sul lavoro e sull’impresa.

Autore: edizioni.miele

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aspetta, ami anche tu il profumo dei libri? Sostieni l'editoria emergente!

Ogni settimana un racconto gratis da scaricare. In più aggiornamenti sulle novità editoriali e le recensioni a cura della nostra redazione.

Grazie! Controlla la tua casella di posta e inserisci il nostro mittente nella tua rubrica per avere la certezza di ricevere le nostre email.

Pin It on Pinterest