Herbert von Karajan, il musico perpetuo

Autore: Alessandro Zignani
Casa editrice: Zecchini editore
Anno pubblicazione: 2008
Prezzo: 19,00

Un uomo in lotta: contro la solitudine della perfezione, l’inevitabile declino degli anni, la morte di un’intera tradizione musicale. Karajan credeva che la volontà potesse invertire il corso delle cose. L’intera sua esistenza fu spesa nello sforzo di superare le soglie della morte: garantirsi l’immortalità come artista. La sua, fu una reincarnazione di Faust: un Faust sedotto da mefistofelici ingegneri del suono. Per gli appassionati, egli fu, per un lungo periodo, la musica. L’uomo-Karajan, nel suo intimo, era un mistico innamorato della natura. La dissociazione, in lui, tra visionario del futuro e ultimo depositario del romanticismo mitteleuropeo, non fu l’ultima causa del suo isolamento tra una folla che, eppure, lo adorava anche per questo. A cent’anni dalla nascita, la sua poetica della musica appare, pur nella invasività multimediale, il retaggio di un’epoca lontana da noi. Meno di vent’anni dalla morte sono bastati per invalidare gravemente la sua gigantesca utopia: rendere perpetua la bellezza. Ma la distanza è anche uno specchio in cui la sua figura può, infine, apparire vera e umana, in tutta la propria grandezza. Nel mese di aprile si celebreranno i 100 anni dalla sua nascita.

LEGGI ANCHE:  L'anno senza estate di Carlos Del Amor

Autore: admin

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Aspetta, non lasciare soli i nostri libri!

Non perdere l'occasione di leggere in anteprima le recensioni delle prossime novità editoriali, farti due risate con la nostra rubrica degli equilibri giocosi e interessarti a scoprire nuovi talenti emergenti.

Se questo non bastasse in regalo per te l'ebook: Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello.

Ti sei iscritto con successo.