In fondo agli occhi del Gatto.

Autore: Serge Quadruppani
Casa Editrice: Marsilio
Anno pubblicazione: 2007
Genere: Romanzo straniero

A Parigi viene ucciso il mercante d’arte Paul, poco prima di incontrare il figlio ventenne che non aveva mai conosciuto. Michel, cinquantenne disoccupato e sognatore, aveva soltanto due punti di riferimento nella vita: l’amico d’infanzia Paul e Jupon, l’amatissima gatta. Entrambi gli vengono brutalmente strappati via. E mentre dei poliziotti assassini tentano di eliminarlo e altri poliziotti, tra cui un colosso omosessuale e un capitano donna di cui si innamora, provano a salvarlo, la sua vita comincia a deragliare.

Deraglia in direzione di Emile, reduce di guerre sporche e segrete, che attende un misterioso nemico barricato nella sua proprietà sperduta in mezzo alla campagna francese. Per arrivare fino a lui, l’eroe suo malgrado dovrà sfuggire alle trappole giudiziarie, alle fiamme e ai proiettili, comprendere il senso di strane immagini filmate e i giochi orribili di una loggia massonica deviata. E quando finalmente incontrerà Emile, la verità, che si cela anche nella foto di un prigioniero del carcere iracheno di Abu Grahib, sarà perfino peggiore di quanto immaginasse…

Teso fino allo spasimo, popolato di personaggi teneri e bizzarri, questo appassionante romanzo noir indaga la presenza e il fascino di una forza più che mai al centro della nostra storia: la crudeltà.

<<Non accennerò alla trama di questo romanzo (dirò solo che è intelligentemente sviluppata e assolutamente avvincente) perché se lo facessi finirei in qualche modo col condizionare il lettore. Ogni racconto di un racconto è già, inevitabilmente, la scelta di un personale punto di vista. Quello che qui semmai conta è il punto di vista, rasoterra, del gatto. Desidero invece sottolineare sia la grandissima qualità della scrittura di Quadruppani sia la sua notevole tecnica narrativa. Comincio da quest’ultima. Spesso e volentieri l’autore interrompe la sua fluente narrazione letteraria per fare intervenire uno strumento che letterario non è. Può trattarsi di una macchina da presa. Scrive infatti frasi come “cambio di visuale” o “cambio di luce e d’inquadratura”, oppure parole come “obiettivo”, che annunziano uno spostamento della macchina da presa, vale a dire un’imminente angolazione diversa del racconto. Ora la grande abilità dell’autore riesce a far sì che il romanzo, pur con queste concessioni a un altro mezzo narrativo, si mantenga sempre rigorosamente dentro le ragioni, le forme e i modi del romanzo, della letteratura, senza cadere mai nella facile soluzione dell’oggettività dell’occhio fotografico. E veniamo alla scrittura. E’ una scrittura di grande sapienza, intesa com’è a restituire al lettore non quella che comunemente si definisce “atmosfera”, ma i dettagli, i particolari, gli elementi che quell’atmosfera servono a creare. Si tratta di suoni, odori, movimenti, colori, persino sensazioni tattili… Come se l’autore fosse munito di vibrisse e attraverso di esse avesse una maggiore capacità di captare un mondo che noi non riusciamo a percepire. Davvero eccezionale.>> ANDREA CAMILLERI

LEGGI ANCHE:  Giulia Gorgazzi: Sotto un cielo di carta

<<Quadruppani è autore che sorprende, scuote, commuove con romanzi perfetti, li divori e li richiudi stordito, lasciano macchie sul cuore>> Wu Ming 1, L’Unità

<<Nel campo del romanzo noir francese è quanto di più interessante io abbia letto negli ultimi anni… Quadruppani rianima l’aggressività sociale che contraddistingue la grande narrativa noir fin dalle origini… Un autore da leggere>> Jean-Patrick Manchette

Autore: admin

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Aspetta, non lasciare soli i nostri libri!

Non perdere l'occasione di leggere in anteprima le recensioni delle prossime novità editoriali, farti due risate con la nostra rubrica degli equilibri giocosi e interessarti a scoprire nuovi talenti emergenti.

Se questo non bastasse in regalo per te l'ebook: Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello.

Ti sei iscritto con successo.