L’agenda Rossa di Paolo Borsellino

Autore: Giuseppe Lo Bianco, Sandra Rizza

Quindici anni dopo la strage di via D’Amelio. Cosa conteneva l’agenda privata di Paolo Borsellino? La ricostruzione di un documento sparito nel nulla. “Mio marito non si separava mai da quell’agenda, vi annotava tutti i suoi incontri. Sono sicura che l’avesse con sè anche il giorno in cui fu ucciso”. Un’agenda rossa, larga e rettangolare. Con la copertina in pelle. Borsellino la usava per annotare le considerazioni più private sulle sue indagini. Anche l’ultima domenica della sua vita l’aveva con sè. Peccato che a via D’Amelio furono ritrovate nella borsa solo le chiavi, le sigarette e poco altro. L’agenda no. Sparita. Questo libro per la prima volta la ricostruisce attraverso le testimonianze dirette dei familiari, dei colleghi, degli investigatori, delle carte giudiziarie, dei pentiti. E dell’agenda nera, quella di casa dove Borsellino segnava spese e appuntamenti

LEGGI ANCHE:  La presentatrice morta, la tv spazzatura è un giallo per Peppi Nocera

Autore: admin

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Aspetta, non lasciare soli i nostri libri!

Non perdere l'occasione di leggere in anteprima le recensioni delle prossime novità editoriali, farti due risate con la nostra rubrica degli equilibri giocosi e interessarti a scoprire nuovi talenti emergenti.

Se questo non bastasse in regalo per te l'ebook: Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello.

Ti sei iscritto con successo.